Di seguito il provvedimento varato dall’amministrazione comunale di Martina Franca:

La Giunta Municipale nella riunione del 28 febbraio 2013,

 

SENTITA la relazione dell’Assessore al Diritto allo Studio;

 

ESAMINATA la situazione che si va determinando per la Facoltà di Ingegneria di Taranto-Politecnico di Bari , nata nel 1990;

 

CONSIDERATO che i percorsi formativi avviati per Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, per Ingegneria Meccanica-Sistemi Industriali, per Ingegneria Elettronica-Elettronica per l’Industria e l’Ambiente hanno contribuito alla formazione di conoscenze, competenze e abilità di alto profilo per tantissimi studenti del territorio che in ogni anno accademico si sono iscritti proficuamente, abbattendo i costi di trasferimento e soprattutto traendo profitto di una formazione universitaria in un contesto che ha tanto bisogno di profili professionali qualificati e di profili tecnici adeguati ad una realtà complessa sul piano economico ed industriale;

 

CONSTATATO anche che, nel frattempo, seppur tra tante difficoltà di avvio, la Facoltà di Ingegneria e l’intero Politecnico si sono radicati nel territorio svolgendo una funzione propulsiva non solo sul piano della formazione ma anche su quello, soprattutto, della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica;

 

VERIFICATO che in particolare presso la sede di Taranto del Politecnico operano il Gruppo di ricerca sulle Tecnologie Ambientali, che gestisce direttamente la Piattaforma Tecnologica Pilota, il Laboratorio Chimico-Ambientale, il Laboratorio Tecnologico-Ambientale; che il Politecnico e la Facoltà di Ingegneria di Taranto fanno parte del progetto “Polo Scientifico-Tecnologico Magna Grecia”;

 

TENUTO CONTO infine della qualificata valenza che questo importante centro di formazione, ricerca e innovazione può svolgere nella delicatissima fase della riconversione ecologica del più grande centro siderurgico italiano ed europeo e nell’avvio del disinquinamento dei territori;

 

AUSPICA

 

che gli organi preposti, il Comune e la Provincia di Taranto, la Regione Puglia, il Senato Accademico dell’Università di Bari, enti pubblici e privati cooperino, non solo per scongiurare la soppressione della Facoltà di Ingegneria ma anche per la sua ulteriore qualificazione al servizio del territorio e dei tanti studenti che ne sostengono l’utilità evitando la vanificazione degli investimenti pubblici finora effettuati.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close