Si apre con lo spettacolo-concerto “In search of Simurgh” di Teresa Ludovico (e le musiche dei Radiodervish) la prima edizione di Arte Franca doc_festival di origine creativa, venerdì 2 agosto alle 21.00 nello spazio di Villa Carmine a Martina Franca (ingresso 5 euro, info www.artefrancadoc.it).

Il festival è curato dal Laboratorio Arte Franca grazie al sostegno di Comune di Martina Franca/Assessorato alle Politiche sociali, Regione Puglia (Ass. Politiche giovanili/Programma Bollenti Spiriti e Ass. alle Risorse agroalimentari).

Dal 2 all’11 agosto Villa Carmine sarà luogo per l’incontro di forme artistiche e creative fra le più varie, nel segno della sinergia fra più realtà associative del territorio e con l’obiettivo di potenziare questo pezzo di Puglia attraverso la musica, il teatro, la formazione, ma anche per mezzo della valorizzazione delle sue architetture e del patrimonio enogastronomico.

“In search of Simurgh”, produzione dello stesso Teatro Kismet OperA, è una suite orientale in cui le canzoni e le musiche dei Radiodervish si intrecciano alle parole di Teresa Ludovico. Lo spettacolo ispirato ad un classico della letteratura Sufi, Il Verbo degli uccelli (Mantiq at-Tayr), scritto nel XII secolo dal mistico persiano Farid ad din Attar, è una ricca e raffinata esposizione di delicata poesia e di profonda sapienza mistica e filosofica paragonabile solo, nella cultura occidentale, alla Divina Commedia di Dante.

Ancora nel segno del teatro, ma in questo caso rivolto soprattutto ai più piccoli e alle famiglie, l’appuntamento di sabato 3 alle 21.00 sarà con lo spettacolo “La principessa sul pisello” (ingresso 2,50 euro) di Lucia Zotti, con Monica Contini, Deianira Dragone e Nico Masciullo. Qui protagonista è un principe, protetto, nutrito e coccolato, cresciuto in un castello, lontano dalla realtà. Non conosce rinunce e privazioni, tutto gli è dato senza desiderio. L’unico suo passatempo, suonare la chitarra, gli allontana la noia, padrona della sua vita. Sogna una donna molto diversa da quelle che la regina madre gli propone: “Bella senza l’arroganza della bellezza, nobile senza l’arroganza della nobiltà pietosa senza l’arroganza della pietà.”

Il programma di domenica 4 agosto prevede: alle 19.00 l’incontro “Generazioni urbane a confronto” a cura dell’architetto Alessandra Ondeggia e alla stessa ora le visite guidate a cura dell’Ecomuseo della Valle d’Itria; alle 21.00 la musica con i Bhiro e Camillo Pace & band (ingresso gratuito). Contrabbassista di Martina Franca, dopo un cd di musica elettronica, un cd dedicato alle musiche di Bob Marley e tantissime collaborazioni, dalla scorsa estate ha intrapreso una nuova strada, quello di cantante, divenuto celebre grazie al singolo “Eh allora balla!”.

Il festival proseguirà poi fino a domenica 11 agosto, con il teatro di Antonio Rezza (6 agosto) e del Teatro Kismet (7 agosto), con la musica di Ginevra Di Marco (8 agosto) e dei Quintorigo (11 agosto, con un personalissimo tributo a Jimi Hendrix) e con laboratori e presentazioni varie.

Carlo Carbotti

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close