Riceviamo e pubblichiamo:

Estate tempo di riflessione interiore. Con questa idea è nata una “notte bianca” diversa dalle solite: niente musei aperti, concerti o shopping notturno. L’idea della “Notte Bianca alla ricerca interiore”, che si è svolta al Villaggio di Sant’Agostino presso l’ex Convento delle Agostiniane, è partita dalla Congregazione del SS. Sacramento e Monte Purgatorio, conosciuta anche come Congrega dei preti. In sottofondo musica sacra ed alcuni brani registrati, tratti dalle Confessioni di sant’Agostino. Testi – spiega don Martino Mastrovito, tra i promotori dell’iniziativa – in cui il santo parla di conversione, del rapporto con Dio, del suo cammino spirituale e mirano a favorire la ricerca interiore di ciascuno. Alla riflessione personale, in tanti hanno fatto seguire il sacramento della confessione, con sacerdoti a disposizione durante la tutta notte: “Facciamo seguito – ha detto don Martino – a un invito specifico di Papa Francesco sull’apertura notturna delle chiese”.

Un modo originale per festeggiare la devozione nei confronti di sant’Agostino, e per l’occasione l’apertura straordinaria del Belvedere ha suscitato grande riscontro da parte di visitatori e curiosi sino a notte fonda e poi all’alba a guardare il sole che sorgeva sulla città e sulla Valle d’Itria. Aperta tutta la notte la chiesa della Madonna della Purità.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close