“La presenza di un solo altoforno in marcia non garantisce le condizioni ottimali di sicurezza, per cui non si esclude la necessità della fermata complessiva della produzione”. Lo sottolinea la Fim Cisl di Taranto dopo l’incontro tra azienda e sindacati avvenuto all’indomani del sequestro senza facoltà d’uso dell’altoforno 2, reparto in cui è avvenuto l’incidente costato la vita ad Alessandro Morricella.  All’Ilva ora funziona solo l’altoforno 4, mentre l’Afo5 e l’Afo1 sono in manutenzione.

(ANSA) Taranto, 19 giugno

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close