Solo numeri che potrebbero ribaltare la realtà, le preferenze che sono state consegnate ieri sera e la stampa ha pubblicato. Questo da una fonte autorevole del Palazzo Ducale. Casini su casini, i numeri riportati e consegnati non sarebbero assolutamente ufficiali e proverrebbero dai rappresentanti di liste dei candidati e non dai verbali dei presidenti dei seggi. “Quei dati possono essere ribaltati”, continua il nostro interlocutore. La notizia suscita clamore e sorprende anche noi. L’ufficio dipende dalla Dirigente Caterina Navach (In predicato di andarsene il 15 luglio, ma non  ha titolo definitivo, ma a comando) e dal segretario comunale che è la responsabile. Mai come questa volta c’è stato i caos assoluto e continua a starci. Quello che risulterebbe ancora più inaudito sarebbe anche la approssimazione dei dati consegnati alla prefettura. A Martina, questa volta è accaduto anche l’inverosimile, anche a causa dei partiti che, per risparmiare, non hanno messo dei rappresentanti di lista o non li hanno formati. Quasi 1000 voti nulli che non sono nemmeno stati contestati, molti dei quali indicherebbero un principio più volte ribadito, ovvero quando esprime in maniera palese la volontà dell’elettore. Quei voti nulli potrebbero cambiare i nomi degli eventuali eletti al Consiglio comunale  o le graduatorie. Un’altra polemica proviene da qualcuno che nutre dubbi sulla regolarità della scelta degli scrutatori che sarebbe avvenuta per sorteggio (??). Speriamo finisca presto questa sceneggiata che sembra poter avere degli strascichi che riguarderebbero altri ambiti.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close