Di seguito un comunicato diffuso dall’amministrazione comunale:

Il Sindaco Franco Ancona ha incontrato ieri, giovedì 25 luglio,  l’assessore regionale alla Sanità Elena Gentile.

L’incontro, svoltosi a Bari alla presenza dei vertici regionali dalla Asl pugliese e del consigliere regionale Donato Pentassuglia, ha riguardato le problematiche della sanità ionica e successivamente anche quelle della città di Martina Franca.

Da parte dell’Assessore regionale sono state fornite rassicurazioni in merito al reclutamento di nuovo personale per il nosocomio martinese e alla strategia più complessiva della Sanità regionale che attribuisce un ruolo importante al Presidio Ospedaliero della Valle d’Itria.

 Grazie e buon lavoro.

Commenta su Facebook
12 pensiero su “Sanità: Ancona-Gentile, incontro a Bari”
  1. siamo contenti che il sindaco è andato a Bari..che poi è l’unico aspetto che si rileva dal comunicato stampa diffuso dall’ammministrazione comunale. quali siano stati gli effettivi contenuti e le azioni adottate per arginare il grave problema del nostro ospedale, non è dato farlo sapere ai cittadini. ai cittadini fate sapere i contenuti degli incontri, non gli spostamenti del sindaco, ai quali sicuramente importa meno. fareste dei comunicati stampa che renderebbe piu edotta la cittadinanza e, avreste cosi ottenuto il risultato propagantistico prefissatovi. ce la potete fare. buon lavoro.

  2. Non credo che sia nelle possibilità del Sindaco prendere a mazzate l’assessore regionale. Quindi si presenta di persona e rompe le scatole (evidentemente). Poi credo che il Sindaco sarà contento quando le rassicurazioni diventeranno fatti reali altrimenti sarà scontento come tutti noi.
    Ma che interventi inutili …

    1. Grazie per il suo intervento. Utile come quelli di tutti gli altri. Lei non ha titolo per dire agli altri che i loro interventi sono inutili. Ok? Grazie. (agostino quero)

  3. La inutilità dell’intervento, facciamola giudicare alle centinaia di cittadini che da settimane si stanno recando ai presidi a firmare le petizioni, e che vorrebbero sentire o leggere fatti concreti. Nessuno vuole far prende a mazzate a nessuno. Grazie a dio siamo in un paese civile e, i problemi si risolvono con la diplomazia politica.

  4. e la solita politica dell’apparire …….. anche a novembre tante belle promesse ma i fatti non arrivano

  5. è chiaro che la nostra petizione sta smuovendo un po’ le coscienze!!! Prima bisognava aspettare il monotematico, poi si è anche detto che era inutile raccogliere queste firme, è evidente che il numero ragguardevole fino ad ora raccolto, fa riflettere!!! Mi sarei aspettata il coinvolgimento di tutte le associazioni che fanno capo a questa giunta, Martina 3, Martina 20000, ma è chiaro che siamo lontani da eventi che possono portare consenso e tant’è!!!
    Noi andiamo avanti e porteremo alla Gentile fatti!!!!

  6. È meglio insistere nella petizione continuando a raccogliere le firme. Anche il consigliere regionale Martucci lo ha capito ed ha firmato. Adesso tocca al Sindaco firmare perché venga ascoltato.

  7. Forse è meglio se qualcuno da al sindaco Ancona il numero di Alabrese di grottaglia. Lui è riuscito a far venire la gentile a grottaglie senza essere neanche andato a Bari. Ed e’ anche riuscito a farsi dire che l’ospedale non subirà cambiamenti rispetto al pino più ampio programmato dalla regione. Sig. Sindaco, firmate la petizione che è meglio.

  8. Forse è meglio se qualcuno da al sindaco Ancona il numero di Alabrese di grottaglia. Lui è riuscito a far venire la gentile a grottaglie senza essere neanche andato a Bari. Ed e’ anche riuscito a farsi dire che l’ospedale non subirà cambiamenti rispetto al piano più ampio programmato dalla regione. Sig. Sindaco, firmate la petizione che è meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close