Si è svolto a Bari martedì scorso l’incontro tra le associazioni di categoria di Martina Franca CIA, Coldiretti, Confagricoltura e dal comitato allevatori con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura. L’obiettivo riguardava l’emergenza lupi nel nostro territorio per esaminare e proporre dei correttivi migliorativi alla Delibera Regionale n.803 del 17 aprile 2015  denominata “Indennizzi dei danni provocati da fauna selvatica protette (Lupo – Cani lupus). Indirizzi , criteri e autorizzazioni”.

La collaborazione fra le associazioni di categoria e l’amministrazione comunale ha consentito dopo svariati incontri avuti con Prefettura, Regione, Asl, Provincia e Comuni limitrofi di arrivare alla Delibera della Giunta Regionale con la quale, tra le altre cose, sono stati stanziati €160.000,00 per gli indennizzi.

Per il Comune di Martina all’incontro in Regione hanno partecipato l’assessore alle attività produttive, Nunzia Convertini, Franco Bruni (Cia), Giuseppe Caroli e Silvio Carbotti (Coldiretti) e il signor Michele Recchia (Comitato allevatori).

Avendo preso atto che la delibera ha un carattere provvisorio, si è, prima di tutto, invitato la Regione a dare vita a una organica modifica della L.R. 27/98 per permettere, quindi, una regolamentazione più moderna ed efficace.

Tra i risultati conseguiti dalla riunione vi è l’impegno dell’Assessorato alle risorse agroalimentari affinché gli allevatori possano chiedere il risarcimento non solo per le richieste del 2015, ma anche per quelle successive al 08 luglio 2014, giorno in cui è stato approvato il Programma Venatorio 2014-15, da cui si sono attinte le risorse per gli indennizzi.

La modulistica utilizzata dagli allevatori per le istanze indirizzate ai vari enti (Provincia, Enti Parco, Riserve, Aziende Faunistiche – Venatorie…) dovrà essere unica ed uguale in tutta la Regione e non cambiare a seconda della Provincia di appartenenza; è stata, poi, portata all’attenzione dei funzionari la problematicità delle recinzioni specialmente nelle aree SIC e l’annoso problema del recupero delle carcasse e dei suoi costi di smaltimento.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close