Una sala gremita ha assistito ieri sera alla presentazione dell’ultimo romanzo di Donato Carrisi, presso il Cinema Teatro Verdi. Carrisi, nato a Martina Franca, è lo scrittore di thriller più venduti non solo in Italia, ma anche all’estero. I suoi romanzi si incentrano sullo scoprire cosa c’è nel fondo del male, nell’andare alla ricerca dei suoi significati misteriosi, che spesso sono più vicini a noi di quanto pensiamo. Il suo ultimo capolavoro “Il cacciatore del buio” è ambientato nella Roma Vaticana, dove esiste il più grande archivio penitenziario del mondo. Tratta l’oscurità all’interno del Vaticano, ma anche i satanisti e tutto ciò che rappresenta il male. Lo scrittore si è soffermato su un concetto molto importante: l’umanità tende a dimenticare la malvagità del male, i satanisti no. Un motto di queste sette è “Lo adori?”, riferito al diavolo, che in latino sarebbe “Colis eum?”. Carrisi ha chiesto alla platea cosa ricordasse loro questa frase: il Colosseo. Bene, il Colosseo era un luogo di brutalità e barbarie millenni fa, ma ora ci andiamo in vacanza. Pubblicato da Longanesi, questo nuovo thriller catturerà, come sempre con Carrisi, l’attenzione dei lettori con il macabro, l’orrido e numerosi colpi di scena.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close