Il mister del Martina presenta la gara contro il Gavorrano: “E’ una buona squadra, ma noi vogliamo cambiare rotta”. Nessun cambiamento in difesa (“L’esperienza di Zammuto e Salvatori è difficile da rimpiazzare”), in attacco c’è ancora il rebus Petrilli: “Non è in perfette condizioni, deciderò all’ultimo se convocarlo”.

E’ un Bocchini ancora più determinato e grintoso del solito quello che si presenta in sala stampa per la presentazione della gara Martina-Gavorrano, in programma domenica prossima alle ore 14.30 allo stadio “Tursi”. “La squadra, fisicamente e mentalmente, è in buone condizioni”, ha esordito il mister. “Veniamo da due sconfitte e la squadra è motivata nel voler cambiare rotta”. Il tecnico non sa ancora se potrà disporre di capitan Petrilli: “Non si è ancora ripreso del tutto e soltanto all’ultimo momento deciderò se convocarlo o meno”. Che Gavorrano si aspetta Bocchini? “Il Gavorrano è una buona squadra, capace di fare punti contro Teramo e Lamezia, e con giocatori molto validi sugli esterni e in avanti. E’ una squadra che rispetto molto, ma noi abbiamo l’obbligo di fare il massimo”. Nessun cambio in difesa, nonostante gli errori individuali – ammessi anche nel dopopartita- contro il Teramo: “Di errore si può parlare soltanto sul primo gol, quando abbiamo lasciato da solo un uomo in area su un cross non irresistibile. Il secondo gol subito è dovuto alla nuova regola del fuorigioco, che porterà molte difficoltà. Terzo e quarto gol non fanno testo perché subiti a causa della troppa fretta nel rimettere in gioco il pallone, per recuperare lo svantaggio. La mia è una squadra giovane, ma anche i giocatori esperti possono fare errori. L’esperienza di Zammuto e Salvatori è difficile da rimpiazzare”. L’ultima questione della chiacchierata con Bocchini riguarda il caso Belleri: “Belleri è il nostro centravanti, è un ragazzo serio, fa parte del nostro gruppo e in settimana si è impegnato tantissimo. Nel gruppo ci sono delle regole – ha concluso il mister – e quando non vengono rispettate è giusto intervenire. Ma Belleri non ha sparato nessuno: si è parlato anche troppo della vicenda”.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close