Le operazioni condotte dalla Stazione Carabinieri di Martina Franca hanno portato al rinvenimento, all’interno di un’abitazione rurale sita in agro di Martina Franca e lasciata in stato di abbandono, di 600 piante di sostanza stupefacente del tipo marijuana già essiccate e pronte per lo spaccio. Tutto è cominciato verso l’ora di pranzo allorquando una donna di Taranto, assente da Martina dal luglio dello scorso anno, proprietaria dell’immobile e del tutto estranea ai fatti, è giunta presso gli uffici della locale Stazione Carabinieri, denunciando di essersi accorta che ignoti avevano asportato gli infissi dell’abitazione ove un tempo vivevano i propri genitori e chiusa da circa 10 anni.

Entrati nell’abitazione e iniziata l’ispezione dei luoghi, i militari si accorgevano che all’interno di una delle stanze vi erano numerose piantine, raccolte in fascette e appese al muro ad essiccare.Il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile, esperiti gli accertamenti tecnici necessari (Drug test), stabilivano con certezza che si trattava di piantine di marijuana.

Dopo aver effettuato un accurato esame dei luoghi, venivano alla fine repertate 600 piantine di sostanza stupefacente del tipo marijuana già essiccate e pronte per lo spaccio. Le stesse, poste sotto sequestro, verranno inviate al Lass di Taranto. Sono in corso indagini per individuare coloro che, sfruttando il fatto che l’abitazione non era abitata da molti anni, ne hanno approfittato per trasformarla in un deposito di sostanza stupefacente.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close