Dopo i numerosi fatti di cronaca che si stanno succedenIdo nelle ultime settimane in città, e in particolar modo nel centro storico, anche il primo cittadino Franco Ancona esprime preoccupazione e chiede un intervento deciso da parte delle forze dell’ordine. Riportiamo integralmente di seguito l’appello lanciato dal Sindaco:

Siamo fortemente allarmati per l’ultimo fatto criminoso che ha colpito un commerciante del Centro Storico; l’escalation di furti e aggressioni che si stanno verificando nella città e nell’agro ci porta a riflettere ancor di più sulle situazioni connesse alla sicurezza pubblica.

Auspichiamo che le Forze dell’Ordine diano risposte certe arrestando il malvivente e che questo costituisca un forte deterrente per i furti ai danni dei cittadini.

Esprimiamo solidarietà umana alla famiglia colpita dal vile atto ribadendo il nostro impegno di rafforzare le attività di controllo per garantire la tutela dei cittadini martinesi.

Le continue segnalazioni fatte alla Prefettura e i numerosi incontri con il Prefetto hanno portato, nei mesi scorsi, a diverse riunioni del Comitato Provinciale per la Sicurezza che ha assegnato a Martina Franca una unità anticrimine già attiva sul nostro territorio.

L’Amministrazione comunale ha concluso i concorsi per la Polizia Locale, è già in servizio una nuova unità e sono attive le procedure di scorrimento di graduatoria che porteranno in servizio altri cinque vigili urbani uno dei quali sarà destinato in maniera permanente al Centro Storico.

Il progetto di videosorveglianza, dopo le nostre innumerevoli sollecitazioni, ha ricevuto solo recentemente il nullaosta da parte del Ministero dando avvio agli atti di gara che sono in corso di definizione.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close