Ieri sera intorno alle dieci. Via Verdi, centro storico. Una fila di parcheggio, in una strada in quel momento completamente vuota. Il motociclista decide di andare a piazzarsi proprio nello spazio destinato ai disabili e, per far capire che lì comanda lui e non le regole, si piazza proprio sopra il simbolo della disabilità. Notare la precisione, con tanto spazio che c’era prima e dopo.

Commenta su Facebook
9 pensiero su “Che mira”
  1. cosa vuoi che sia! le regole e’ sempre bene che li rispettino gli altri.in fondo si sa,i vigili non ci sono,farla franca è certo,ma se proprio dovesse succedere una multa,si puo’ farla togliere dall’amico.

    1. pienamente d’accordo!!! i vigili non ci sono e se ci sono, il favorito e’ sempre l’amico, a prescindere se abbia torto o ragione!!! te lo dice chi l’ha vissuto sulla propria pelle

  2. Ora vogliamo fare del motocilcista il “peccatore”..si nota questa Inosservanza proprio perchè è avvenuta al centro del paese??
    Che facessero un controllo serio per tutta la città in varie ore della giornata i vigili, cosi avoglia a mettere foto su articoli….
    I controlli seri vanno fatti su quelli che parcheggiano in maniera selvaggia ovunque, chi occupa passi carrabili, chi diventa padrone della strada con divieti di sosta fasulli e con ki arbitrariamente ha fatto della strada pubblica una “proprietà” privata… altro le chiacchiere della moto…siate seri…

    1. Grazie per il suo intervento. Non se se lei fosse con me e i miei colleghi che in un anno si sono (ci siamo) impegnati per fotografare centinaia di parcheggi incivili. Temo di no. In centro e in periferia. Non so se fosse con me quando sono andato a fotografare i marciapiedi che non permettono in passaggio dei disabili, perché sono troppo stretti o sono pieni di barriere architettoniche, come pali, cabine elettriche ecc. Temo che lei non ci fosse. Non so se fosse con me e i miei colleghi quando abbiamo fotografato violazioni vergognose del diritto dei pedoni a essere trattati come tali, persone che non possono passare sulle strisce occupate dalle auto bellamente parcheggiate, o parcheggiate anche sugli scivoli per i disabili. Quella che abbiamo pubblicato oggi è, né più né meno, l’ultima della serie finora. Grazie per il richiamo e ci attendiamo la sua attenzione e la sua collaborazione, ci invii pure le foto che le capita di fare, se le va. Però mi sembra uno attento e quindi ce le manda sicuro, a redazioneoggi@pugliapress.it se le va di fare qualcosa, oltre a dire superficialmente agli altri di essere seri. (agostino quero)

    2. Caro Quero, il mio “siate seri” non era rivolto in maniera offensiva nei confronti di nessuno (se così è stato interpretato), volevo solo evidenziare o meglio mettere sulla bilancia il disagio che può creare una moto sicuramente parcheggiata in maniera “incivie” (non sono il proprietario ne amico del possessore)e il caos che creano le auto quando parcheggiate in doppia fila o sui marciapiedi che poi devono essere ripristinati dalla nostra amministrazione con i soldi dei contribuenti.(quelli onesti che pagano le tasse se mi permettete questa battuta ovviamente). Di mattina per esempio devi prendere il veicolo per andare a lavoro ( 80 km da Martina) e trovi l’ingresso del garage occupato (con tanto di passo carrabile autorizzato e non quello fasullo) da chi magari è al bar a sorseggiare comodamente caffè quasi infastidito della tua richiesta “mi farebbe uscire?”
      Effettivamente non ho avuto modo di visionare e apprezzare le vostre segnalazioni precedenti a questo articolo perchè da pochissimo tempo mi presento su questo sito web.
      Chi meglio di voi può segnalare o fotografare disagi., a ognuno il proprio lavoro.
      Se ogni automobilista o occupante della strada pubblica, prima di fare i comodi propri si ponesse la domanda “e se arrivano i vigili?”…forse tutto questo non accadrebbe….ma sempre più spesso sento dire in puro martinese “scà nu mnot i sta”….”mtt de tand nag pass nuscion”…
      Buona giornata a tutti.

      Ps: Kim quando un sito da la possibilità di commentare, si può dire quel che si vuole (sempre con la dovuta educazione e rispetto ovviamente)

      1. Dimenticavo una cosa fondamentale, ovviamente e sicuramente il grande disagio è quello del “proprietario” del pacheggio riservato se al suo arrivo c’era ancora la motocicletta…

  3. Che vergogna!!! Che schifo. Se si volessero stroncare queste cose ci vorrebbero 5 minuti ma i vigili se ne sbattono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close