In continuità con le politiche di riconciliazione individuate dallo studio di fattibilità  “C’è tempo” sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle famiglie martinesi, approvato con delibera n. 7 del 15 giugno scorso,  il Coordinamento Istituzionale dell’Ambito Territoriale n° 5 Martina – Crispiano ha approvato con delibera n. 13  un progetto per l’attuazione di Azioni Sperimentali del Piano  Territoriale Tempi e Spazi, cogliendo l’opportunità di un finanziamento di € 35.000,00 offerta dalla Regione Puglia.

L’intervento programmato si sostanzierà di tre sperimentazioni.

La prima delle azioni programmate  è rivolta ai cittadini e cittadine che, per motivi di cura o lavoro, hanno difficoltà a raggiungere gli sportelli degli uffici pubblici nelle fasce orarie prestabilite, prevedendo la possibilità di una flessibilità per andare incontro alle esigenze rilevate.

La seconda azione è prevalentemente rivolta ai genitori di bambini frequentanti le scuole primarie del territorio: spesso gli orari lavorativi non sono proprio coincidenti con quelli relativi all’apertura delle scuole; pertanto si è pensato ad un servizio di “pre e post scuola” che prevede la possibilità di ampliare la fascia oraria di ingresso/uscita da scuola, con l’obiettivo di agevolare i genitori nella  conciliazione dei tempi di “vita-lavoro”. Ovviamente la permanenza dei minori negli istituti in orari extrascolastici sarà opportunamente assistita, con la presenza di operatori.

Infine la terza azione  consisterà nel potenziamento del servizio “pedibus”, affinchè i bambini possano  raggiungere la scuola a piedi attraverso percorsi sicuri, accompagnati da gruppi di genitori volontari. Quest’ultimo intervento, oltre a  costituire per i minori un’ulteriore stimolo educativo al rispetto delle regole stradali e  dell’ambiente,  solleciterà nelle famiglie il ricorso alla mobilità lenta e contribuirà a decongestionare il traffico nelle ore di punta.

“Le sperimentazioni – sottolinea  l’assessore ai Servizi sociali Donatella Infante – verranno avviate sin dai prossimi mesi al fine di rispondere alle istanze avanzate dai numerosi  nuclei famigliari con figli in età scolare. La decongestione del traffico negli orari di ingresso e si uscita dei bambini da scuola, il servizio di pre e post- scuola e la maggiore fruibilità di alcuni uffici comunali, sono obiettivi di indirizzo politico volti a garantire e supportare una migliore vivibilità della città dal punto di vista della mobilità e della qualità ambientale e sociale.  Superata la fase della sperimentazione la scommessa è far si che gli interventi si stabilizzino nel tempo e nello spazio, divenendo prassi consolidate. Per realizzare ciò non si potrà prescindere, come nel caso del pedibus,  dalla disponibilità dei genitori nel rivedere consolidate abitudini di spostamento casa-scuola in auto anche per tragitti brevissimi. I bambini, siamo sicuri, apprezzeranno”.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close