Provvidenziale l’intervento dei Carabinieri

Due anziane salvate dalle fiamme la scorsa notte a Taranto. Provvidenziale l’intervento dei militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri del capoluogo ionico, che hanno tratto in salvo due sorelle residenti in uno stabile in via Grazia Deledda, nel quartiere Tamburi. Di seguito il racconto dell’operazione, diffuso dal Comando provinciale:

Storia a lieto fine quella capitata ad alcuni anziani che la notte scorsa sono rimasti intrappolati in un edificio andato a fuoco. Il provvidenziale intervento dei militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Taranto ha permesso di trarre in salvo due sorelle rimaste bloccate in uno stabile situato in via Grazia Deledda, nel quartiere Tamburi. A dare l’allarme è stato un cittadino che ha chiamato il 112 per avvertire che c’erano un box auto e la palazzina adiacente in fiamme con forse delle persone bloccate all’interno. Due pattuglie dell’Aliquota Radiomobile si sono prontamente portate sul posto, constatando l’incendio di un’autovettura parcheggiata nel box auto. Le fiamme, alimentate dal vento, si erano propagate alla parete esterna della palazzina adiacente, raggiungendo in poco tempo il terzo piano della stessa. I militari hanno immediatamente avvertito i venticinque condomini, consentendone un’evacuazione tempestiva ed in totale sicurezza. Accortisi dell’assenza di due anziane settantenni, proprietarie di un appartamento sito al secondo piano, non hanno esitato a farsi strada nel denso fumo nero. Sono stati minuti lunghissimi quelli nei quali, giunti sul luogo, hanno sfondato la porta d’ingresso dell’abitazione a spallate e, con non poche difficoltà, sono riusciti a raggiungere le anziane sorelle, in camera da letto, strappandole a morte sicura. Le donne sono state caricate a spalle e condotte all’esterno. Modesta intossicazione da fumi combusti per i Carabinieri intervenuti tra le fiamme che, tenendo fede al Giuramento prestato, continuano a lavorare incessantemente in silenzio, senza clamore, con serietà e disciplina, a volte rimettendoci la salute, la tranquillità familiare, a volte la vita.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, siete d'accordo con l'uso dei cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close